Recensione: Warm Bodies di Isaac Marion

mercoledì 19 febbraio 2014 14 commenti:

Oggi vi parlo di Warm Bodies, romanzo d'esordio di Isaac Marion, già molto apprezzato in America e nel Regno Unito che ho letto qualche tempo fa, di solito preferisco far recensioni di libri che ho letto recentemente in modo da essere più accurata possibile ma sbirciando dentro il libro ho ritrovato degli appunti e mi sono detta: perchè non parlarne in una mini-recensione?
La prima impressione che ho avuto su questo libro non è stata del tutto positiva perchè, diciamocelo, di storie sul filone Fantasy/Paranormal/Romance ce ne sono state fin troppe negli ultimi anni e alcune neanche troppo ben riuscite. Nonostante lo scetticismo iniziale mi sono fatta trasportare dall'amore per i racconti horror "zombieschi" che mi hanno sempre in qualche modo affascinato, non potevo ignorare quindi questo libro che devo dire mi ha piacevolmente stupito.

Informazioni

Titolo: Warm Bodies
Autore: Isaac Marion
Editore: Fazi
Prezzo: € 12,33 (v. cartacea) € 1.99 (v. ebook)
Data di uscita: 14 dicembre 2012

La Trama

R è un ragazzo in piena crisi esistenziale: è uno zombie. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, ma nutre molti sogni. La sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, ma dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un giorno, mentre ne divora il cervello, R assaggia i ricordi di un ragazzo. Di lì a poco, per lui cambierà ogni cosa; intreccia una relazione con la ragazza della sua vittima, Julie, e sarà per lui un’esplosione di colori nel paesaggio grigio e monotono che lo circonda. Perché l’amore per lei lo trasformerà in un uomo (e in un morto) diverso, più combattivo e consapevole. Di qui avranno inizio una guerra feroce contro i suoi compagni d’un tempo e una rinascita dalle conseguenze inimmaginabili.

L'Autore

Nato nel 1981 in una remota cittadina dello Stato di Washington, vive da sempre a Seattle. Per sopravvivere ha svolto decine di lavori (per lo più improbabili) fino a quando un suo racconto, I Am a Zombie Filled with Love, non è diventato la short story più cliccata d’America dando vita al progetto di Warm Bodies, pubblicato in Italia da Fazi nel 2012 e riedito nel 2013 in occasione dell'uscita nelle sale del film omonimo. Personaggio eclettico, Marion è pittore e musicista per passione.

Il mio parere su questo libro

La storia è ambientata in un mondo post-apocalittico in cui gli esseri umani sono in continua lotta per la sopravvivenza, costretti a rifugiarsi in dei complessi protetti chiamate "fortezze-stadio" e a formare dei gruppi-pattuglia per raccimolare le ultime risorse rimaste in quelle che un tempo erano città piene di vita ora popolate solo da zombie e desolazione.
R è il nostro protagonista, uno zombie un pò diverso dallo stereotipo che tutti conosciamo, oltre la tipica camminata strascicata il mangiare cervelli e rantolare affannosamente, in R c'è ben altro.


« Mangiare non ha a che fare col piacere. Stacco a morsi un braccio a un uomo, e lo odio. Odio le sua urla, perché non mi piace il dolore e non mi piace far male alla gente, ma è così che va adesso il mondo.
E questo è quel che facciamo. »

R è uno zombie con dei pensieri e dei sentimenti, ci accompagna durante tutto il libro spiegandoci per filo e per segno cosa gli passa per la testa, si ciba di carne umana per assaporare anche solo per un momento la cosa che ri-vorrebbe di più al mondo...la vita.


« Come sempre vado dritto al meglio, alla parte che mi accende la testa come un cinescopio. Mangio il cervello, e per una trentina di secondi ho dei ricordi. Immagini di parate, profumi, musica... vita.»
Proprio durante una "caccia ai cervelli" la non-vita di R prenderà una piega inaspettata, si ritroverà a fare i conti con ricordi e pensieri che lo cambieranno radicalmente.
Un romanzo che sorprende, già dalle prime pagine Warm Bodies riesce a catturare l'attenzione, la lettura risulta fluida e piacevole, a tratti intrisa da elementi comici. R è un personaggio per cui è difficile non provare simpatia, un libro che tratta temi profondi pur non diventando pesante o ripetitivo, veramente da non perdere se volete leggere qualcosa di simpatico e divertente!

Se avete guardato il film e non vi è piaciuto non evitate il libro, alcuni personaggi non sono affatto caratterizzati come nel libro, il film per me è stato discreto ma mi aspettavo una trasposizione un pò più fedele, soprattutto riguardo i personaggi e il loro carattere. 

✩ ✩ ✩ ✩ ✩

Non male, ma manca qualcosa.

Vuoi acquistarlo? Fallo ora su:
inMondadori {Libro} {Ebook
Amazon {Libro} {Ebook}
IBS {Libro} {Ebook}

Segui i link per la lista completa degli Sponsor e il Disclaimer del blog, grazie per la lettura e il sostegno!

14 commenti:

  1. A me è piaciuto molto ma molto di più il film! DI solito mi capita il contrario, ma in questo caso il film è stato anche divertente....
    Per quanto riguarda il libro secondo me ha cannato il finale. Nel senso che non sembra affatto autoconclusivo (e inizialmente era stato concepito così), e troppe cose vengono lasciate in sospeso....scrive tutto nel dettaglio e poi si perde alla fine concludendo, a mio avviso, in modo frettoloso!
    Non male si, ma mi aspettavo di meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero concordo, se il finale fosse stato curato un pò di più, avrei valutato una stellina in più! Però tutto sommato il libro mi è piaciuto :)

      Elimina
  2. Ero molto curiosa dell'uscita del film, ma dopo molti pareri negativi non sono andata a vederlo. Mi hanno sempre detto che il libro merita molto di più mm..ancora sono indecisa, ma prima o poi lo leggerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me il film è una cosa distante dal libro, certo ovviamente ne prende spunto ma il libro è tutta un altra cosa (non che il film sia brutto, ma discreto nulla di chè insomma) il personaggio di Julie nel film non mi ha convinto, nel libro era molto più combattiva per non parlare di Nora...totalmente cambiata (ed è uno dei personaggi che nel libro mi piace molto mentre nel film odio XD) quindi non lasciarti fermare perchè Warm Bodies è davvero un bel libro! nulla a che vedere con quei romanzi un pò bambineschi dove si prende la creatura fantastica di turno e la si trasforma in un sex symbol XD

      Elimina
  3. Io ho adorato il libro!!!! il film è stato carino, ma troppo ridicolo.. però non male.. Ma sono felicissima perchè Marion ha in programma il seguito! :-3

    RispondiElimina
  4. io ho visto il film, carinissimo! ma non credo che leggerò il libro! alla fine non vado pazza per gli zombie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è il solito libro sugli zombie, ma se proprio non ti vanno a genio capisco che non ti attiri il titolo, io faccio fatica a leggere libri sulle fate ma non si sa mai, magari un giorno mi ricrederò! xD

      Elimina
  5. Ho letto il libro tempo fa e ricordo che mi era piaciuto molto. Il film non l'ho ancora visto ma non credo lo vedrò mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che del film si può fare anche a meno XD non che sia brutto ma il libro è il libro :D

      Elimina
  6. Io sono curiosa soprattutto da quando è uscito il film ma non dovrebbe essere gran che da quanto mi hanno raccontato :\ il libro invece sembra meglio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è neanche paragonabile, leggilo non te ne pentirai :)

      Elimina
  7. Gli zombies non mi ispirano un granché, ad essere sincera, ma la tua recensione mi ha davvero incuriosita :) penso che presto darò un'opportunità a questo libro! ^_^

    RispondiElimina